venerdì 9 maggio 2008

Nozze

Nei suoi ultimi anni, quando la sua leggenda era già in declino, Carlo Magno vietò le nozze alle sue figlie perché diceva di non poter fare a meno di loro. Lo capisco benissimo: a volte anch’io vorrei dissuadere gli amici che si sposano, spergiurando che non li trascurerò più, che passeremo più tempo insieme, che l’età mitologica delle matte risate non è ancora finita. Ma non sono altruista, e gli amici malcagati vanno verso altri lidi, altri stili di vita.

3 commenti:

cristianaeffe ha detto...

Dillo che il post te l'ha dettato Claudia...
Comunque la soluzione è aprire una comune hippy dove vivere tutti insieme e bandire il matrimonio all'insegna della promiscuità. Eh?

Cano ha detto...

Be’, Claudia è un’estremista, ma ti assicuro che fondamentalmente anch’io ho un temperamento antinuziale.
Non sono contrario alla comune, ma io non potrei entrarci perché sono monogamo da far paura.

Claudia B. ha detto...

Sa avessi letto questo post, forse sarei riuscita a superare il mio patimento da unghie disfatte e anche la mia ansia da stanza da risistemare, nonché a recuperare le energie perdute (io sono anemica come un vampiro, d'altra parte). Se un giorno aprirò un blog o un sito che cerchi di rendere la gente sensibile al male del matrimonio potrei anche chiamarlo "temperamento antinuziale".